Campaneddhri, palme e Sepolcri nel Salento

La “Fiera dei Campanelli” a Maglie e la processione dell’Addolorata a Gallipoli, venerdì 27 marzo 2015, introducono i riti della Settimana Santa nel Salento.

A Maglie, campaneddhri, trombette, fischietti, trozzule (raganelle pasquali), cupeta, scapece e pizzelle alla pizzaiola caratterizzano la “Fiera dei Campanelli” istituita con decreto borbonico nel 1860, che si svolge in onore della Matonna ‘Ndurrata lungo il viale dell’Addolorata. Nata come fiera del bestiame e degli attrezzi agricoli si è trasformata nel tempo in un chiassoso mercato di ramoscelli d’ulivo, panierini intrecciati di foglie di palma con ovetti di cioccolato e agnellini zuccherati, campaneddhri  e trozzule che, un tempo, nel giorno di Sabato Santo, annunciavano la Resurrezione di Cristo.

A Gallipoli, a mezzogiorno, dalla chiesa di Santa Maria del Monte Carmelo e della Misericordia, muove il simulacro dell’Addolorata in direzione della Cattedrale per la messa.  Al termine della  celebrazione liturgica, lentamente si avvia  la processione per le strade della città nuova. Al rientro  nel centro storico attraverso  il ponte che collega l’Isola alla  terraferma, il momento più emozionante  è la benedizione del mare dal bastione San Giuseppe.

A Cerfignano di Santa Cesarea Terme, alle 18, dopo la solenne celebrazione eucaristica a partire dalla Parrocchiale, si snoda per le strade cittadine la processione con la statua dell’Addolorata, opera di Giuseppe Manzo, donata alla Confraternita di Cerfignano dal priore Tiburzio Del Vantesino.

Tutti i paesi del Salento il 29 marzo 2015,  Domenica delle Palme, festeggiano l’ingresso trionfale di Gesù a Gerusalemme, con processioni che ricordano la gente, bambini soprattutto, che, festosi, corrono incontro al Messia agitando ramoscelli d’ulivo  e lunghe foglie di palma. A Lecce,  Maglie, Galatina e Scorrano si svolgono le processioni più significative. A Scorrano e Botrugno , addirittura si addobbano  Sannà e colonne votive con ramoscelli d’ulivo adorni di arance amare e colorate zagarelle. Al Mercatino delle Palme di Scorrano, organizzato nella centralissima piazza del paese, si vendono palme intrecciate, foglie d’ulivo dorate o argentate, croci e panierini.

La  messa  vespertina in “Coena domini” celebrata nelle chiese ricorda l’Ultima Cena di Gesù con gli Apostoli. Consapevole che da lì a poco sarebbe stato arrestato, Gesù consegnò con la lavanda dei piedi il comandamento dell’amore: “Amatevi gli uni agli altri, come io ho amato voi”. Giovedì Santo, in chiesa,  si fa memoria di quelle parole e di quei gesti in una delle liturgie più suggestive e cariche di significato dell’anno liturgico. A fine messa inizia per le strade di Lecce, Maglie, Gallipoli, Botrugno, Grecìa Salentina e di un gran numero  di paesi la visita ai Sepolcri allestiti nelle chiese. Si tratta di un altare o cappella della Reposizione che accoglie le particole consacrate da conservare fino al pomeriggio di Venerdì Santo, quando, al termine della liturgia penitenziale si distribuiscono ai fedeli per la comunione sacramentale. Nel Sepolcro non c’è Cristo Morto. La confusione nasce dal termine latino “repositorium”, da cui “reposizione”, che ha effettivamente tra i suoi significati anche quello di “tomba” o “sepolcro”. Non senza ragione, dunque, i fedeli hanno accostato l’altare della reposizione a luogo della sepoltura di Gesù che, ricordiamo, dopo la Cena con gli Apostoli inizia il percorso di dolore che lo porterà sul Monte Calvario, Golgota in aramaico. Nel giorno dei Sepolcri è d’obbligo visitarne almeno sette, come dire la “visita” delle sette chiese.  A Gallipoli si va per Sepolcri anche di notte.

Nunzio Pacella su Salento in Tasca n°843 del 27 marzo 2015

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...