Festa de li Pampasciuni:un trionfo a Galugnano

Piatti da dieci e lode quelli presentati  alla “Festa de Li Pampasciuni” di Galugnano da chef, street cuoco, cuochi e casalinghe a “Delizie di Pampasciuni” a mezzogiorno al Dancing Days a giornalisti, operatori turistici e rappresentanti Fice (Federazione italiana circoli enogastronomici) presieduta da Marco Porzio compresi quelli  della Confraternita del Pampascione Salentino di Alezio presieduta da Vinicio Malorgio, e la sera, alla “Gara Gastronomica” nel Salone parrocchiale, vinta da Anna Calcagnile.

È stato un vero e proprio trionfo del  tenero e saporito pampasciune galugnanese appena raccolto in campagna da Antonio Rotondo con il padre Pompilio, detto ‘Mpiju, lavorati con prodotti di qualità ed eccellenza della rete informale salentina “più Gusto” e coniugati ai fornelli con tecnica, nelle forme tradizionali ma anche innovative, e soprattutto presentati nel piatto con il profumo e i colori dei fiori edibili di primavera. Innovativa l’interpretazione  della cuoca casalinga Daniela Terzi nella preparazione dei “Filetti di orata alla piastra con crema di fagiolo piattello di Soleto  e pampasciuni in agrodolce al vincotto” e dello chef Cosimo (Mimino) Simmini  e del suo aiutante Francesco Innocenti del ristorante Myosotis del President di Lecce nell’allestimento dello “Strudel salato di pampasciuni, zanguni e caciotta, involtini di sgombro, cipolla rossa all’aspretto di mele e gocce di vincotto”.

Gli chef di Sapori Oriente d’Italia Mario Graziano Manconi e Costantino  De Santis hanno meravigliato non poco con le loro preparazioni stravaganti di cipolla rossa di Tropea, petali di rosa disidratati, cialde di pane casereccio croccante e yogurt aromatizzato al basilico. Manconi ha raccontato il piatto della tradizione galugnanese : “Coniglio, pampasciuni e cipolla rossa ”, mentre De Santis ha giocato con tre piatti: “Insalata  tiepida di pampasciuni, cipolla rossa aromatizzata alle erbe, capperi di Leuca e cialde croccanti”; “Zuppetta di pampasciuni, pomodori da serbo gialli, filetti di triglia di Porto Cesareo al profumo di rosa” e “Petto di pollo a libro cotto in Carta Fata alle erbe con pampasciuni e yogurt”.  Hanno stupito per gusto, raffinatezza e preparazione  le: “Ruote pazze Cavalieri al ragù di polpa di cosciotto d’agnello battuto al coltello e scattarisciata di pampasciuni e verdure caponate Vizzino” dello chef Mimmo Persano e dello street cuoco Francesco Manco.

Tanta bontà ha stupito gli studiosi di pampasciuni, Massimo Vaglio e Giancarlo Leuzzi, meravigliato il sindaco Ezio Conte ed i suoi collaboratori  Maria Rosaria Tucci e l’infaticabile Emanuele Dell’Anna, entusiasmati gli ospiti del Fice.

Nunzio Pacella su Salento in Tasca n°891 dell’11 marzo 2016

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...