Chef to the future 2017

L’Associazione Slow Food Lecce, presieduta da Alessandro Rizzo, presenterà domenica prossima 30 aprile alle 20,30 il giovane chef Matteo Calò del ristorante Negroamaro dell’8Piùhotel di viale del Risorgimento a Lecce.

Quello di domenica sarà il primo di tre appuntamenti promossi da Slow Food Lecce, che vedrà impegnati oltre a Calò altri due chef: Alessio Gubello del Relais di Charme Tenuta Mosè a Sannicola, venerdì 26 maggio, e Matteo Romano del ristorante chiocciolato Lilith di Masseria Copertini a Vernole, mercoledì 21 giugno.

“A Matteò CalòAlessio Gubello e Matteo Romano – ha detto Alessandro Rizzo – spetterà il compito di deliziare i nostri palati con menù ispiratati al mondo dei Presìdi ed alle Comunità del Cibo Slow Food. Rispetto allo  scorso anno abbiamo deciso  di coinvolgere  tre giovani aziende vinicole salentine: Vaglio Massa di Carmiano, Torre Ospina di Racale e Romaldo Greco di Seclì”.

A tavola i piatti di Matteo Calò saranno abbinati ai vini Massa. Si partirà con una zuppetta di ceci neri della Comunità del Cibo dei produttori di Zollino con baccalà cotto a vapore, salsa al pecorino della Comunità del cibo sostenibile “Le Cesine” e pomodoro secco. Seguirà, coscia di maialino cotta a bassa temperatura con carciofo Igp di Brindisi, salsa di sedano e cicerchia della Comunità del Cibo dei produttori di Zollino, spuma di patate e liquirizia e crema soffice di  cioccolato bianco e olio extravergine biologico del Presìdio Slow Food su biscotto alle mandorle, sorbetto alle mele e la sua salsa (Info: Alessandro Rizzo 347.6758177).

Salento in Tasca n°948 del 28 aprile 2017

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...