Premiati i piatti della tradizione alla VI edizione della gara a base di pampasciuni a Galugnano

La VI edizione della gara gastronomica a base di pampasciuni organizzata a Galugnano, frazione di San Donato di Lecce, il primo venerdì di marzo dal delegato alla Cultura Emanuele Dell’Anna per festeggiare la Madonna Addolorata o Madonna dei Pampasciuni, ha premiato i piatti della tradizione.
Il bulbo di marzo che racconta la biodiversità del pampasciune, Muscari comosum Mill o Leopoldia comosa (L.) Parl dedicato a Leopoldo II Granduca di Toscana, raccolto con la zappetta nelle campagne petrose intorno al paese, è stato preparato con tagli di carne di maiale come costine, pancetta e capocollo non stagionato insaporito con spunzale o cipolla porraia non ingrossata utilizzata nella cucina povera contadina e pomodorini da serbo giallo.
La gara si è svolta alle 18,30 nel salone parrocchiale di Galugnano al rientro della processione della statua dell’Immacolata portata a spalla dalle devote, avviata alle 16 dal parroco don Giuseppe Renna dalla Chiesa Madre fino alla secentesca Chiesa di Santa Maria della Pietà del cimitero cittadino dove si è pregato e chiesto le indulgenze.
Presenti nell’oratorio parrocchiale oltre ad un folto numero di cittadini che hanno degustato i piatti di pampasciuni, il vice sindaco Maria Rosaria Tucci, l’assessore ai servizi sociali Miriam Rollo e Ferdinando Pedaci della Confraternita del Pampasciune Salentino.
Sul podio: Rosalba Dell’Anna (1° posto) con il patto di pampasciuni, costine e pancetta di maiale con spunzale e pomodorino;Teresa Martina (2° posto) con il piatto di pampasciuni, carne di maiale, spunzale e pomodorino; Emilio Tucci (3° posto) con il piatto di pampasciuni, carne di maiale e spunzale.
Altri patti in gara, sempre a base di pampasciuni, sono stati preparati dalle massaie Caterina Tommasi (pampasciuni alla genovese);Anna De Blasi (pampasciuni con prosciutto e capocollo fresco di maiale); Carmela Conte (involtini di maiale alla birra con contorno di pampasciuni); Maria Cucurachi (pampasciuni al sugo) e Tina Dell’Anna (baccalà, patate e pampasciuni).
La giuria composta dallo chef del ristorante Incoho di Galatina Mario Graziano Manconi e dai giornalisti Michele Lorusso, consigliere nazionale dell’Ordine dei Giornalisti e Serena Fasiello vice presidente regionale dell’Ordine dei Giornalisti di Puglia, ha degustato i pampasciuni con fette di pane di curcuma e cereali preparati da “Il Vecchio Forno” di Nicola Calò di San Donato di Lecce.
Nunzio Pacella su Salento in Tasca n°991 del 9 marzo 2018

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...